SARS-Co V-2 negli animali per la professione veterinaria